since 1981

Eco-cortili: quando il risparmio inizia sotto casa

10.10.2013

Il risparmio in bolletta inizia in cortile. La riduzione dei consumi e l’attenzione alle risorse –dall’acqua alla luce alla produzione di rifiuti- si impara in casa propria: negli spazi comuni dei condomini e delle scuole. Cortili e giardini grazie al progetto Eco Courts (in italiano, cortili ecologici) diventano la base dalla quale partire per ridurre gli sprechi grazie a comportamenti virtuosi da adottare nei luoghi di vita comuni.

PROGETTO EUROPEO - È uno dei progetti Life sostenuti dalla Commissione europea, ed è rivolto a comunità fisiche (famiglie, gruppi di interesse, condomini) e virtuali (singoli o soggetti collettivi) decisi ad adottare abitudini e soluzioni mirate al risparmio energetico e dunque alla riduzione delle spese in bolletta. Promosso da vari soggetti (Comune di Padova, Finabita, Legacoop, Ancc-Coop, le Regioni Toscana ed Emilia Romagna), Eco Courts continuerà fino a novembre 2014.

OBIETTIVI - L’obiettivo è raggiungere almeno 3 mila adesioni e ottenere, grazie a opportuni suggerimenti, il 30% di riduzione del consumo di acqua a livello domestico, il 15% di riduzione dell’energia consumata nelle abitazioni-condomini e il 15% di riduzione di rifiuti prodotti.

ESEMPI - Quattro condomini-pilota tra Milano, Cinisello Balsamo e Roma (per un totale di circa 318 alloggi) hanno già avviato la sperimentazione. Il caseggiato di via Caldera a Milano (Cooperativa Ferruccio Degradi) ha attivato i servizi di raccolta dell’olio da cucina e di bike sharing recuperando vecchie biciclette inutilizzate donate dai soci che sono state «ristrutturate» da una ciclofficina. A Cinisello Balsamo (Cooperativa Uniabita) i condomini si sono concentrati sulla sostituzione delle lampade nelle zone comuni con la tecnologia a Led ed è stata anche inaugurata l’isola ecologica per la raccolta di olio, pile, toner e farmaci. A Roma (Cooperativa Aic) è stata installata la casa dell’acqua condominiale. L’unione fa la forza, ma non solo: l’illuminazione a Led permette di risparmiare fino all’85% di energia elettrica, la casa dell’acqua ha permesso nel primo mese di attività di risparmiare 1.600 bottiglie di plastica e sempre in un mese sono stati raccolti 20 litri di olio esausto.

PARTNER - Anche i partner «virtuali» hanno avviato una serie di azioni. La comunità laico-religiosa di Capodarco nelle Marche (cinque famiglie che vivono in comunità) sostiene il progetto su tre ambiti di intervento: energia, acqua e rifiuti. Hanno aderito gli studenti del coordinamento universitario Link presenti in sedici atenei, il circuito web Banzai, Massimo Cirri, lo storico conduttore di Caterpillar, mentre la scuola di musica Gershwin di Padova, sta organizzando una green orchestra ispirata alle buone pratiche in materia ambientale lavorando sul trasporto di strumenti e musicisti, la stampa delle partiture, il tipo di amplificazione durante i concerti.

PARTECIPARE - Ma come può fare chi desidera partecipare all’iniziativa, e iniziare a ridurre gli sprechi? In fase di avvio una campagna di comunicazione è organizzata negli oltre 1.400 punti vendita Coop, così come la creazione di gruppi d’interesse per i soci. Ma che lo si voglia fare con un’azione di gruppo oppure come singoli, il progetto parte dal sito Cortiliecologici. L’accesso e la registrazione consentono di esplorare una casa virtuale: navigando tra le sue stanze si ricevono informazioni sui diversi ambienti e sugli elementi che incidono sul consumo di risorse: dal frigorifero alla caldaia, dal microonde alle finestre. Dal primo accesso è facile scoprire con un semplice test se si è consumatori virtuosi o spreconi e da lì tarare un percorso possibile di miglioramento delle proprie abitudini a partire anche da piccoli accorgimenti. Ci sono pagine dedicate alle fonti di energia rinnovabile e a come rendere la casa più efficiente anche all’esterno e negli spazi comuni del condominio.

CONSIGLI - La casa virtuale offre una serie di eco−consigli su come e quanto ridurre consumi e rifiuti: è possibile comporre un piano d’azione individuale, inviare video e testimonianze, partecipare al forum, chiedere informazioni, condividere soluzioni con gli altri utenti, essere costantemente aggiornati sulle novità legislative e tecniche grazie a un network di partner che collaboreranno al progetto (Adriatica Acque, Agenzia Fiorentina per l’energia, Società cooperativa European Works and Projects titolare del Dizionario dei rifiuti). Un calcolatore fa il totale di CO2 risparmiata a seguito delle azioni intraprese e, per finire, sono previsti anche premi. Gli Eco Courts Award gratificheranno a fine progetto l’impegno dei vincitori delle diverse categorie.


fonte: corriere.it
CHIBO S.r.l.
Via Nobel, 27/29A
Q.re SPIP- 43122 Parma - Italy
Tel. (+39) 0521/606611
Fax. (+39) 0521/607750
P.IVA 00762480341
Cap. Soc. iv 109.200,00 Euro

e-mail: info@chibo.it
Social network
Facebook

Twitter

YouTube

TAGs
CERTIFICAZIONI
Privacy | Website by Clicom