since 1981

Cellulari e smartphone, ecco come riciclarli!

17.06.2013

Cellulari e smartphone di ultima generazione sono ormai divenuti prodotti di largo consumo soggetti a ricambi quasi continui. In media, stando a quanto rilevato dalla Recon Analytcs, il rapporto tra un utente e il proprio cellulare dura circa un anno, dopo di che il “vecchio” device viene accantonato per fare spazio ad un nuovo modello o versione. Il modello ritenuto superato e dunque gettato via molto spesso finisce fra i rifiuti comuni e non viene assoggettato ad alcuna opera di riciclaggio, cosa che oltre a costituire un danno economico genera conseguenze negative dal punto di vista ambientale.

Il riciclo di smartphone e tablet di fatto consentirebbe di estrarre ed elaborare materiali come il rame, il vetro, la plastica, il palladio, l’oro e l’argento, con un impatto positivo su ambiente ed economia. Si stima che nelle discariche giungano in media materiali per circa 60 milioni di dollari, denaro che potrebbe essere “recuperato” grazie al riciclo e riutilizzato per altri scopi.

Tra l’altro destinare il proprio telefonino all’attività di riciclo è estremamente semplice. Trattandosi di un rifiuto elettronico (il cosiddetto RAEE) sarà infatti sufficiente reperire l’isola ecologica più vicina oppure recarsi presso un qualsiasi punto vendita di elettronica di consumo e consegnarlo ai proprietari dell’attività, obbligati per legge a prendere in consegna il dispositivo e a smaltirlo opportunamente. Del resto il costo dei portatili comprende anche un eco-contributo RAEE utile a finanziare questo tipo di operazione, e stando al decreto 151/05 è possibile riconsegnare il proprio smartphone a fronte dell’acquisto di uno nuovo.

Il processo di riconversione che consente di riabilitare i modelli di device che si desidera gettare via è in genere sempre lo stesso; telefonini, smartphone e accessori correlati ancora funzionanti possono essere donati in beneficenza, oppure, dopo le opportune riparazioni possono essere reimmessi sul mercato come apparecchi ricondizionati (se il device di turno non può essere riparato può poi essere smontato e le parti componenti riutilizzate o riciclate); prima di riconsegnare il proprio apparecchio per gli opportuni trattamenti di recupero e riciclo è infine buona norma rimuovere dalla scheda di memoria informazioni sensibili (comprese fotografie e video), password, username e quant’ altro potrebbe causare una violazione della privacy se finisse in mani sbagliate.

Fonte: alternativasostenibile.it

www.chibo.it
CHIBO S.r.l.
Via Nobel, 27/29A
Q.re SPIP- 43122 Parma - Italy
Tel. (+39) 0521/606611
Fax. (+39) 0521/607750
P.IVA 00762480341
Cap. Soc. iv 109.200,00 Euro

e-mail: info@chibo.it
Social network
Facebook

Twitter

YouTube

TAGs
CERTIFICAZIONI
Privacy | Website by Clicom